Chi sono?

Un Mental Coach alla ricerca dello One Piece. 

Troppo tardi per esplorare la terra.
Troppo presto per esplorare la Galassia.
Ho iniziato a vagare nella mia Mente ed ho scoperto un Universo

L’Architetto della mente

La mia Storia

Ho sempre trovato interessante il momento in cui iniziano le storie.
Come fa un autore a scegliere il momento giusto?
Beh, lo sceglie in funzione di ciò che vuole raccontare.
Ma nella realtà, nella nostra vita, c’è davvero un momento in cui inizia tutto?
Il Buddismo mi ha insegnato a vedere l’Interconnessione tra tutte le cose.
Non c’è inizio.
Non c’è fine.
C’è solo esistenza.
Non so quando sia iniziata la mia.
Non so neanche quando finirà.
Ma intanto…?
Direi che me la godo 🙂

C’era una volta…

…un bambino che tutti dicevano essere lento ad imparare e non molto sveglio. Aveva sofferto tanto crescendo e la sua unica compagnia erano stati i videogiochi e le storie. Per fortuna ad un certo punto imparò una lezione importante: non doveva più lasciare che fossero gli altri a definirlo. Poteva diventare chi voleva essere!
Il Bambino aveva un sogno. Aveva sofferto tanto a causa delle sue difficoltà di apprendimento e allora aveva deciso.
Avrebbe raggiunto il suo sogno.

“Vincerò il Nobel per l’Apprendimento!”

… ma come fare?

Il mio viaggio…

Quando scoprì di essere l’Universo

Il bambino iniziò un lungo viaggio.
Ma era troppo tardi per esplorare la terra e troppo presto per esplorare la galassia e allora iniziò a vagabondare nella sua Mente e scoprì un universo.
Si perse per giorni, settimane, millenni in questo vasto parco giochi e decise infine di dare una forma a ciò che stava vedendo.
Fu così che costruì il suo Palazzo della Memoria.

Quando costruì la sua mente

Ma poi dovette iniziare ad arredarlo.
Ed imparò il valore fondamentale delle Informazioni. Scoprì che le sue scelte, le sue vittorie, le sue sconfitte… ogni cosa dipendeva dalle Informazioni presenti nella sua Memoria.
Capì allora che se voleva modificare il suo Mondo doveva costruire su se stesso: doveva imparare a manipolare la sua Architettura delle Informazioni.

Quando iniziò a giocare con il Destino

Infine, si rese conto che non doveva andare lontano.
Non doveva imparare altro.
Il Bambino divenne Uomo quando imparò ad accettarsi così com’era.
Scoprì ad esempio che era in grado di superare sensi di colpa, organizzare le sue priorità, imparare velocemente e costruire nuove abitudini.
Sapeva fare tutto questo proprio grazie ad i suoi amici più vecchi: le storie ed i videogiochi.
Il bambino ormai uomo era infatti diventato un esperto di gamificazione.

Le Sfide 

Ed in tutte le storie dei super eroi c’è il superamento della soglia, da cui non si torna indietro.
Nel suo viaggio dovette affrontare molti avversari:

La Mancanza di Gratificazione

La mancanza di Gratificazione: crescendo si rese conto che spesso non otteniamo ciò che vogliamo, pur lavorando molto.
Bisognava sviluppare la Pazienza e la capacità di saper apprezzare ciò che aveva, a prescindere da ciò che voleva.
Doveva diventare paziente e consapevole come una Tartaruga.

Il Dubbio

Si accorse che spesso impieghiamo così tanto a prendere decisioni, da finire col perdere occasioni importanti.
Doveva migliorare il suo decision making ed evitare ripensamenti e sensi di colpa.
Doveva diventare deciso e feroce come una Tigre.

La Frustrazione

Ogni difficoltà diventava più dura da superare, ogni fallimento diventava più pesante da affrontare.
Capì che doveva imparare a trasformare ogni errore in un feedback e sviluppare velocità di recupero.
Doveva imparare a rinascere più forte, ogni volta, come una Fenice.

La Mancanza di Focus

Qual era la scelta giusta? qual era il prossimo step da seguire?
Si perdeva di continuo.
Era giusto seguire un’idea interessante oppure costruire una strategia?
Doveva sviluppare una visione d’insieme, guardare le cose dall’alto, come un Drago.

La nascita dell’Architetto della Mente

Quando il bambino diventato uomo sconfisse questi 4 avversari divenne padrone del più grande dei poteri: la Disciplina Mentale.
Fu in quel momento che scelse il suo nome da super eroe, il nome che avrebbe mandato il suo messaggio al mondo.

“Io sono l’Architetto della Mente!”

E capì cosa voleva fare della sua vita.

“Voglio insegnare alle persone ad essere Indipendenti. Voglio aiutare le persone a dominare la propria mente e costruire la propria Personalità, un ricordo alla volta, un comportamento dopo l’altro”.

Con chi lavoro

Ma l’Architetto della Mente imparò che non poteva aiutare tutti.
Voleva lavorare con persone decise, che sapevano cosa volevano ma non sapevano come ottenerlo.
I suoi allievi sarebbero state persone interessate a mettersi in gioco, desiderose di diventare la miglior versione possibile di se stesse.
Persone che hanno capito che qualunque siano i problemi della loro vita, sanno di dover diventare l’unica soluzione.

Diventa Coach di te stessa/o

E adesso l’Architetto della Mente si ferma.
E parla con te, Viaggiatore.
Siamo tutti in viaggio, costantamente, fino al momento in cui dovremo fermarci e passare oltre.
Ma fino a quel momento abbiamo il diritto di vivere la vita più bella, libera ed indipendente che possiamo.
Il Palazzo della Memoria è lo strumento che ti aiuterà a diventare il Super Eroe che hai sempre sognato di essere.
Se vuoi iniziare a giocare sul serio fermati.
La risposta che cerchi è sempre stata dentro di te.
Devi solo costruirla.
Che aspetti?
The Game is On!

Share This