Sai perché hai difficoltà a smettere di fumare, pur sapendo che si tratta di una scelta sensata?
Sai perché non riesci a concentrarti nel lavoro, o a dedicarti alla tua formazione, pur sapendo che sono scelte necessarie?
O perché non riesci a rimetterti in forma, a cambiare una tua abitudine negativa a cui non riesci a rinunciare?
Semplice: non puoi fare altro che replicare i comportamenti più coerenti con il tuo passato, Viaggiatore.
La tecnica del Filo Rosso, che si basa sul Palazzo della Memoria e l’uso delle Tecniche di Memorizzazione, è lo strumento che utilizzo per prendere il controllo di questa sorta di narrativa esistenziale e decidere che direzione dare alla mia vita, grazie allo sviluppo della Disciplina.
Te ne parlo in questa guida.

A chi si rivolge questa guida?

Il Filo Rosso può aiutarti a riflettere sulla tua vita, a definire i tuoi obiettivi personali e professionali e costruire un contesto mentale per aiutarti a migliorare la tua capacità decisionale.
Si tratta dunque di una strategia utile per:

  • Chi ha bisogno di prendere spesso decisioni difficili e gestirne la pressione
  • Chi vuole cambiare una o più abitudini ma non riesce a trovare la giusta motivazione
  • Chi vuole migliorare la relazione con se stessa/o e attraverso la Mindfulness

Sviluppare la disciplina: perché è importante farlo oggi

Foto di una ragazza che contempla una vallata

Se dovessi scegliere cosa portare con me su un’isola deserta, non avrei dubbi: porterei la mia Disciplina, Viaggiatore.
Essere disciplinati è infatti la competenza più importante, qualunque sia il tuo Contesto personale.
Che tu sia uno studente che deve preparare un concorso o una imprenditrice che vuole aumentare il proprio fatturato, sviluppare la tua Disciplina ti aiuta a definire obiettivi, importi delle regole di condotta con cui migliorare le tue scelte e affrontare frustrazione e mancanza di gratificazione immediata.

Personalmente ne so qualcosa, Viaggiatore: ho passato anni a sprecare il mio tempo e sentirmi impotente davanti i miei fallimenti.
Finché non ho accettato una lezione importante.
Io sono l’unico responsabile delle mie vittorie e delle mie sconfitte.
La conseguenza è stata solo una: ho dovuto costruire me stesso.

IL FILO ROSSO: COSTRUISCI LA RELAZIONE CON L’UNICA PERSONA CHE CONTI DAVVERO

Due bamboline che si baciano su sfondo rosso

Il Filo Rosso è una leggenda giapponese che adoro.
Secondo questa leggenda le anime gemelle sono legate da un filo del destino che non si spezza mai ed inevitabilmente le porterà ad incontrarsi.
Una storia molto bella, ma so bene che la realtà è più complessa di così.

Le Relazioni sono una conseguenza di ciò che siamo.
Le persone che frequentiamo, le scelte che compiamo ogni giorno, il lavoro, le relazioni che costruiamo… tutti pezzi che si incastrano con il nostro puzzle personale.

La Realtà, da questo punto di vista, può essere paragonata ad uno specchio che riflette chi siamo davvero.
Se il riflesso non ti piace, non devi rompere lo specchio: devi cambiare ciò che rifletti al suo interno.
Tuttavia questo richiede un lavoro sulla consapevolezza.
La consapevolezza di chi sei, di quali sono i tuoi limiti, i tuoi difetti, i tuoi pregi: significa osservarsi davvero, azione che spesso una persona non compie mai per tutta la vita.
Se dunque il primo step è accettarsi come una persona fallibile e perfettibile, il secondo è forse più complesso.
Occorre mettere ordine nel caos delle informazioni che definiscono chi siamo, modificare i dati della nostra esistenza, un bit dopo l’altro, con l’unico scopo di crescere.
Il Filo Rosso è la tecnica che uso per tenermi dunque legato alla persona che voglio essere, per crescere con lei, migliorarmi ogni giorno e di conseguenza migliorare ciò che il mondo riflette.
Per usare questa tecnica è necessario considerare i proprio ricordi come fossero Informazioni.

Personalità ed informazioni: tu sei ciò che ricordi

Questa è la frase che ripeto sempre ai miei clienti: tu sei ciò che ricordi.
La tua Identità è definita dai dati che si trovano nella tua memoria e che insieme compongono un’architettura che ha un nome: la tua Personalità.
Questa architettura mentale ha una conseguenza precisa: ogni tua azione, ogni tua scelta, deve essere coerente con le Informazioni presenti nella tua memoria.
Per usare una analogia nerd, ogni tuo giorno è un nuovo episodio della tua Narrativa personale, e sappiamo tutti qual è uno degli elementi più importanti di una storia: la coerenza narrativa.
Prova ad immaginare Frodo Baggins che ad un tratto riesce ad atttivare il Kaioh Ken per prendere a pugni Sauron, per esempio.
O come cambierebbe l’atmosfera di How I Met your Mother se scoprissimo che Barney è in realtà un serial killer.
Sarebbe strano, non trovi?

Se dunque è vero che noi esseri umani abbiamo il libero arbitrio, è pur vero che il nostro cervello preferisce comunque subordinare questa possibilità all’idea di replicare le soluzioni che conosciamo già, le azioni che hanno funzionato e le scelte che non si discostano troppo da ciò che abbiamo già tentato.

Come ti dicevo nell’introduzione, pur sapendo quale sia la decisione giusta da prendere, può passare molto tempo prima di riuscire a trasformarla in un comportamento concreto.
Ma perché accade?

Perché il cervello ha bisogno di una motivazione per agire, e spesso pensiamo che smettere di fumare basti.
Tuttavia questo è un obiettivo, non un risultato: questa confusione è uno dei problemi più grandi di questo mondo.

In mancanza di un Risultato concreto da raggiungere, la nostra motivazione si disperde in fretta ed il cervello torna ad agire in modo coerente con le nostre ultime azioni.

Ma grazie al Filo Rosso possiamo hackerare questo comportamento istintivo.
Ora ti spiego come.

costruisci una stanza del filo rosso

Innanzitutto occorre conoscere la tecnica del Palazzo della Memoria e l’utilizzo dei PAV per la costruzione dei ricordi artificiali, di cui ti parlo qui.
Poi, bisogna seguire questi 5 Step:

1) STABILISCI IL TUO ENDGAME

Foto di una scogliera

Come ti dicevo prima, il tuo cervello ha bisogno di una motivazione per agire. Stabilisci dunque un Risultato concreto che vuoi raggiungere.
Può essere qualcosa di materiale, come il raggiungere una certa posizione professionale, il superamento di una sfida.
Ma puoi anche scegliere una condizione emotiva con cui colorare la tua vita, come la pace, il coraggio o la pazienza.
Rifletti dunque sulla tua vita o sul tuo lavoro, adesso, e poniti questa domanda:

“Cosa mi farebbe guardare allo specchio ed essere felice di ciò che osservo?”

Quando avrai la tua risposta, puoi passare al prossimo Step.

2) COSTRUISCI UNA STANZA MENTALE

Come ti dicevo è importante conoscere la tecnica del palazzo della memoria, ma per semplificare immagina un luogo che rispecchi l’Endgame che hai scelto:

  • Quali colori e materiali ti vengono in mente?
  • Quali sono le dimensioni di questo luogo?

Immagina un luogo che ti faccia provare le Emozioni che associ al tuo Endgame e tornaci il più spesso possibile: ti aiuterà a definire il Mood della tua immaginazione.

3) SCEGLI IL TUO EROE PERSONALE

Avere una fonte di ispirazione è una delle leve motivazionali più forti.
Per usare questa tecnica devi scegliere il tuo Super Eroe personale, ovvero la persona (o personaggio immaginario) che ha le caratteristiche di cui hai bisogno, che è in grado di compiere le scelte che vuoi compiere e prendere le decisioni che sai essere quelle giuste.
Nel mio caso, ho scelto di seguire l’esempio di Matthew Mcconaughey: il mio eroe sono io tra 10 anni.

Ho immaginato la persona che voglio diventare, ovvero una persona in pace, disciplinata, rilassata, priva di rancore e capace di accettare ciò che capita.
Quando succede qualcosa che non va secondo i miei piani e mi sento frustrato o in difficoltà, entro nella mia stanza del filo rosso e pongo una domanda all’Andrea tra 10 anni:

“Come hai affrontato questa situazione?”

La sua risposta mi aiuta a guardare il problema che sto affrontando da una prospettiva diversa, ingrandendo il mio Contesto decisionale e aiutendomi a capire qual è la decisione che mi aiuterà ad avvicinarmi di un altro passo ad essere il mio Super Eroe personale.

Ma non basta: il Contesto è infatti qualcosa che va costruito un pezzo alla volta.

4) INSERISCI I RICORDI CHE VUOI CONSERVARE

Dato che io sono ciò che ricordo, ho iniziato ad avere una relazione più consapevole con i miei ricordi.
Ho iniziato a scegliere i momenti della mia vita che ho ritenuto più importanti, i più decisivi e tramite la tecnica del PAV li ho inseriti nella mia Stanza del Filo Rosso.
Ci sono momenti che ho vissuto con persone che non ci sono più, oggetti che mi hanno accompagnato in certi periodi della mia vita.
Compiere questo processo è stato un lavoro affascinante, che mi ha insegnato una cosa: spesso, i miei ricordi più importanti non sono anche i più belli.
Una consapevolezza che mi ha portato a stabilire l’ultimo Step di questa Strategia.

5) RIEMPILA CON LE TUE LEZIONI DI VITA

Non superi mai nulla, Andrea. Ogni cosa che vivi, la porti con te. Ma dopo 10 anni la distinzione non è più tra eventi positivi o negativi, ma solo tra ciò che ti ha fatto crescere e ciò che ti ha bloccato.
Dopo 10 anni, non sono altro che ricordi.

Questa è una delle lezioni che ho appreso dall’Andrea tra 10 anni, il mio super eroe personale.
L’ho ricevuta in un momento molto difficile della mia vita.
L’ho trasformata in un PAV, immaginando il quadro di un Albero (immagine che associo alla crescita e alla vita) sulle rovine di una Città infinita.

Ho appeso questo quadro nella stanza del filo rosso e torno ad osservarlo quando sto affrontando una situazione che mi fa male.
Mi pongo sempre una domanda:

Albero cresciuto su delle rovine

“Come voglio ricordare ciò che sto vivendo?”

Questo approccio mi aiuta a distaccarmi dagli Eventi che affronto, e cercare una prospettiva di crescita rispetto al problema, così da non rimanerci incastrato dentro.

La mia Stanza del Filo Rosso è piena di oggetti ed elementi che rappresentano altre lezioni che ho appreso nella mia vita e mi aiutano a migliorare il modo in cui prendo decisioni.

Questi 5 Step rappresentano le basi della strategia del Filo Rosso e vanno eseguiti in questo ordine preciso.

CONCLUSIONE

Questa tecnica prevede che tu parta da una considerazione importante e difficile, Viaggiatore: ciò che hai vissuto e ciò che sei adesso, non devono determinare per forza le tue Decisioni.

Puoi scegliere di osservare la tua vita da una prospettiva più ampia, di dare al tuo cervello una motivazione più grande, in grado di trainarti verso un Futuro che potrai riempire con ciò ciò che desideri.

Se ti interessa provare questa tecnica puoi prenotare una call gratuita di un’ora con cui iniziare a gettare le basi per la tua Stanza del Filo Rosso.

Share This